UA-72767483-1

L’inquinamento favorisce anche l’obesità

Filed under Lifestyle

Un nuovo studio fatto nell’Università di Duke, negli Stati Uniti d’America, ha trovato che respirare l’aria altamente inquinata, anche solo per un paio di settimane, aumenta il rischio di disfunzioni cardio-respiratorie e metaboliche, ma anche il rischio di obesità.

Per lo studio, alcuni ratti in stato di gravidanza sono stati messi in una camera, esponendoli all’aria altamente inquinata di Pechino, e degli altri sono stati posti in un’altra camera, in cui l’aria era stata filtrata per rimuovere la maggior parte delle particelle inquinanti l’atmosfera.

Dopo 19 giorni i topi in gravidanza esposti all’aria inquinata hanno mostrato un aumento dei livelli di infiammazione nei loro polmoni e nel fegato, così come presentavano livelli del 50% più elevati di colesterolo ‘cattivo’ LDL, oltre a livelli del 46% più elevati di trigliceridi e un colesterolo totale del 97% più alto. Inoltre questi topi avevano livelli più elevati di resistenza all’insulina, rispetto ai ratti esposti all’aria pulita, una condizione associata allo sviluppo del diabete di tipo 2.

Risultati simili sono stati osservati anche nella prole dei ratti in stato di gravidanza, che erano stati tenuti nelle stesse camere delle madri.

Tuttavia i risultati dello studio hanno trovato che per avere un aumento di peso è necessaria un’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico, con più cambiamenti significativi osservati dopo otto settimane rispetto a tre settimane.

I topi, maschi e femmine esposti all’inquinamento atmosferico erano del 18% e del 10% più pesanti, dopo otto settimane, rispetto a quelli esposti all’aria pulita, nonostante entrambi i gruppi fossero alimentati allo stesso modo.

Negli esseri umani questi risultati mostrano l’urgente necessità di ridurre l’inquinamento atmosferico, dato il crescente onere dell’obesità nel mondo altamente inquinato di oggi, dicono i ricercatori.

I risultati dello studio sono stati pubblicati nel Journal of the Federation of American Societies for Experimental Biology (FASEB).

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login