UA-72767483-1

Il sesso negli anziani tiene lontana la demenza

Filed under Lifestyle, Salute

Uno studio recente ha mostrato che una attiva sessualità dopo i 50 anni protegge contro le malattie mentali.

La ricerca fatta nell’Università di Coventry nel Regno Unito, ha dimostrato che chi era sessualmente attivo nella mezza età era più lucido di chi era più passivo.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista ‘Age and Ageing’ e hanno suggerito che l’ossitocina e la dopamina prodotte dall’attività sessuale può stimolare l’apprendimento e la memoria.

“L’attività sessuale è uno strumento efficace per coltivare le facoltà cognitive e il benessere”, dice lo studio fatto su 6800 individui che avevano fra 50 e 89 anni.

I soggetti per lo studio avevano dovuto rispondere a una serie di domande sulla loro sessualità prima di fare alcuni test per determinare la salute mentale.

Dovevano memorizzare elenchi, analizzare determinati motivi in alcune figure, ricordare una lista di 10 parole, risolvere questioni logiche.

I maschi sessualmente attivi nelle prove hanno ottenuto un punteggio superiore del 23% rispetto agli altri sulle liste di parole e del 3% sulle figure. Fra le donne attive, il punteggio è stato del 14% e del %, rispettivamente.

Il sesso è un fondamento essenziale dell’essere umano, sia esso giovane o vecchio. E le persone si sentono bene mentre fanno l’amore, cosa che li incoraggia a vedere la vita dal lato giusto, a mangiare bene e a fare esercizio fisico, dice lo studio.

You must be logged in to post a comment Login