UA-72767483-1

Su Internet, una terapia CGT per il disordine dismorfico del corpo

Filed under Lifestyle, Salute

mouse-del-computerLe persone che soffrono di disordine dismorfico del corpo hanno una forte percezione che qualcosa non va, in loro, quando si guardano, anche se è tutto normale.

La bruttezza percepita può essere curata su Internet tramite una terapia cognitivo-comportamentale (CGT).

Il nuovo trattamento è stato sviluppato da ricercatori del Karolinska Institutet per aumentare la possibilità di accesso alle cure a questa categoria di pazienti.

Le persone colpite da questa sindrome hanno un rischio maggiore di suicidio e la diagnosi è associata con le assenze per malattia e con una grande quantità di sofferenza, secondo lo studio pubblicato sul ‘British Medical Journal’.

Per aumentare l’accesso alle cure per questa popolazione di pazienti, il nuovo tipo di terapia cognitivo-comportamentale (CBT), implementata su Internet, è stata sviluppata e testata.

E’ emerso che un terzo dei pazienti con la terapia online è completamente guarito, dopo dodici settimane di trattamento.

Su un totale di 94 pazienti che avevano partecipato allo studio, molti erano malati da diversi anni e avevano avuto precedenti contatti con i servizi sanitari.

Uno su cinque partecipanti aveva già fatto da uno a sei interventi di chirurgia plastica per cercare di correggere gli errori percepiti.

Il trattamento ha migliorato la qualità della vita dei partecipanti, diminuendo i sintomi depressivi.
I ricercatori sperano che il trattamento alla fine diventerà disponibile all’interno del sistema sanitario, in modo che sempre più persone, che soffrono di questa patologia, possano avere accesso a cure efficaci.

Molte persone con disordine dismorfico del corpo sono oggi senza alcun trattamento e assistenza sanitaria, in parte perché la condizione è relativamente sconosciuta, ma anche perché le persone con disordine dismorfico del corpo non cercano di curarsi e hanno paura di essere considerati superficiali e di non essere presi sul serio dal sistema sanitario.

You must be logged in to post a comment Login