Addio Helmut Schmidt, grande figura della socialdemocrazia tedesca

Filed under Esteri, Notizie

L’ex cancelliere tedesco Helmut Schmidt, il cui stato di salute si era deteriorato drasticamente durante il fine settimana, è morto martedì pomeriggio. L’ex leader socialdemocratico, che era stato cancelliere dal 1974 al 1982, è rimasto molto influente per tre decenni dopo aver lasciato il potere.

L’uomo politico è deceduto nella sua casa di Amburgo. Era stato ricoverato in agosto per disidratazione e in settembre per un coagulo di sangue in una gamba. Poi non aveva voluto più essere portato via da casa.

Fumatore incallito, con un pacemaker dal 1981, Helmut Schmidt era stato vittima di un attacco di cuore nel 2012 e aveva messo un bypass.

Cancelliere nel 1974, dopo le dimissioni del l’altra grande figura della socialdemocrazia tedesca, Willy Brandt, Helmut Schmidt era stato rinnovato nel suo incarico nel 1976 e ndel 1980.

Convinto europeista, aveva criticato il modo in cui il suo successore Helmut Kohl aveva portato all’unificazione la Germania.

Helmut Schmidt era stato anche il “padre” con l’ex presidente francese Valéry Giscard d’Estaing, del Sistema monetario europeo (SME).

Autore di trenta libri, è stato redattore e regista di “Die Zeit”, uno dei più prestigiosi settimanali tedeschi.

Fino alla fine della sua vita, saggiamente ha commentato il mondo e politica tedesca.

Nato nel 1918 in una famiglia di Amburgo, aveva la mentalità della città anseatica.

Suo padre era un banchiere ebreo.

Potrebbe interessarti anche:

Print Friendly

You must be logged in to post a comment Login