Omega 3 inefficaci contro più fattori di rischio cardiovascolare

Filed under Lifestyle

Gli integratori di Omega 3 non hanno effetto sui pazienti con elevato rischio cardiovascolare trattati già con farmaci. Lo ha mostrato un ampio studio clinico condotto in Italia e pubblicato negli Stati Uniti.

omega3In un gruppo di pazienti con più fattori di rischio cardiovascolare (diabete, ipertensione, colesterolo alto, fumo e obesità), i supplementi giornalieri di omega 3 non hanno ridotto la mortalità e la morbilità, hanno scritto gli autori dello studio pubblicato nel New England Journal of Medicine (NEJM).

Precedenti studi clinici avevano lasciato pensare che questi supplementi potessero ridurre il rischio cardiovascolare nei pazienti con insufficienza cardiaca o che avevano avuto un attacco di cuore. Ma gli integratori di olio pesce non hanno avuto un effetto preventivo contro la fibrillazione atriale, un disturbo del ritmo cardiaco comune, secondo i risultati degli studi clinici.

Lo studio italiano, condotto su 12.513 persone in Italia, metà delle quali avevano assunto degli omega 3 e l’altra metà un placebo, costituito da olio d’oliva, cinque anni dopo l’inizio ha mostrato che il tasso di mortalità per infarto cerebrale e ictus era quasi del 12 % in ciascun gruppo.

La ricerca è stata condotta dall’Istituto Mario Negri su volontari (il 39% donne) che avevano un’età media di 64 anni, in uno studio realizzato con la collaborazione del Consorzio Mario Negri Sud e di 860 medici di base.

Related posts:

Le ragazze che bevono troppe bibite hanno le mestruazioni in anticipo
Giornata mondiale contro il fumo: aumentate le vendite delle sigarette
I giovani obesi hanno un duplice rischio di morire prima dei 55 anni
La necessità di bere 2 litri d'acqua al giorno è un mito
Masticare chewing-gum manda via i pensieri intrusivi
Il Vademecum antistress di Giulio Cesare Giacobbe

You must be logged in to post a comment Login