UA-72767483-1

Il mese di nascita è legato a un maggior rischio di alcune malattie

Filed under Lifestyle, Salute

Alcuni scienziati statunitensi hanno trovato che il mese di nascita influisce sul rischio di avere determinate malattie nella vita.

Consultando i dati relativi a 1,7 milioni di persone, nate tra il 1900 e il 2000 ed esaminate tra il 1985 e il 2013 nel New York Presbyterian Hospital nella Columbia University, i ricercatori hanno trovato che 55 malattie cambiano frequenza a seconda del mese di nascita.

Delle malattie, 39 erano note per le loro variazioni stagionali, ma di 16, tra cui 9 tipi di malattia di cuore, non si conosceva la relazione col mese di mascita.

Asma, bronchiolite, aterosclerosi, fibrillazione atriale, sindrome di iperattività e deficit di attenzione, ipertensione, insufficienza cardiaca congestizia, angina e cardiomiopatia, sono tutte malattie influenzate dal periodo di nascita.

Lo studio pubblicato nel “Journal of the American Society of medical informatics” (JAMIA) ha mostrato come alcuni mesi (giugno, agosto, ottobre e dicembre) non sono influenti ai fini di queste 55 malattie.

Altri mesi (ad es. novembre) sono più associati a un rischio aumentato di alcune malattia, mentre altri mesi (ad es. febbraio) sono associati con ridotto rischio-per la maggior parte delle malattie.

In generale, l’ipertensione colpisce di più i nati di gennaio, la fibrillazione atriale i nati di febbraio, l’aterosclerosi i nati nel mese di marzo, l’angina coloro che sono nati in aprile, l’asma i nati a settembre, la sindrome di deficit di attenzione e iperattività i nati a ottobre, le infezioni e la bronchiolite acuta nell’infanzia i nati di novembre.

Lo studio ha mostrato che coloro che sono nati nel mese di marzo sono a più alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, ma hanno una maggiore protezione contro le malattie respiratori e neurologiche.

Coloro che sono nati a ottobre sono a rischio aumentato di malattia respiratoria e contemporaneamente sono a ridotto rischio di cardiovascolare.

You must be logged in to post a comment Login