UA-72767483-1

I vasi linfatici che collegano cervello e sistema immunitario

Filed under Lifestyle, Salute

C’è un sorprendente collegamento tra il cervello e il sistema immunitario, secondo una scoperta fatta dai ricercatori dell’Università della Virginia.

Lo studio dice che il cervello è collegato direttamente al sistema immunitario con dei vasi linfatici che precedentemente non si sapeva che esistessero.

Tali vasi sono sfuggiti alla rilevazione quando il sistema linfatico è stato mappato in tutto il corpo.

La scoperta fornisce speranze per nuovi trattamenti delle malattie neurologiche, che vanno dall’autismo al morbo di Alzheimer e alla sclerosi multipla.

Il cervello è collegato al sistema immunitario periferico attraverso i vasi linfatici meningei, ha spiegato Jonathan Kipnis, uno degli autori dello studio.

Prima abbiamo sempre percepito l’interazione neuro-immunitaria come qualcosa di esoterico, che non può essere studiato. Ma ora possiamo fare domande meccanicistiche, ha aggiunto.

La scoperta cambierà radicalmente il modo di considerare il rapporto del sistema nervoso centrale con il sistema immunitario, ha detto Kevin Lee, che presiede il dipartimento di neuroscienze.

La scoperta è stata resa possibile grazie al lavoro di Antoine Louveau, che lavorando con Kipnis ha fatto uno studio su dei topi.

Secondo Kipnis, i vasi linfatici del cervello sono “molto ben nascosti”.

La scoperta inattesa di questi vasi linfatici genera un numero enorme di domande sia sul funzionamento del cervello che sulle malattie che lo riguardano.

Ad esempio, nel caso di malattia di Alzheimer, in cui ci sono accumuli di grandi blocchi di proteine nel cervello, ciò può essere dovuto al fatto che essi non vengono rimossi in modo efficiente da questi vasi, ha detto Kipnis, aggiungendo che altre malattie neurologiche, dall’autismo alla sclerosi multipla, ora, dovranno essere riconsiderate alla luce di questa scoperta.

I risultati della scoperta sono stati pubblicati online dalla prestigiosa rivista Nature.

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login