UA-72767483-1

Sono 118 i giornalisti rimasti uccisi nel 2014

Filed under Cultura e Società

Il numero dei giornalisti e degli operatori dei media uccisi in tutto il mondo ha raggiunto le 118 unità nel 2014.

Il Pakistan e la Siria sono i paesi più pericolosi, secondo una dichiarazione rilasciata mercoledì dalla Federazione Internazionale dei Giornalisti (IFJ).

Le vittime, morte nell’esercizio del loro lavoro, sono state 13 in più del 2013, mentre altri diciassette hanno perso la vita in incidenti stradali o calamità naturali mentre svolgevano il loro lavoro.

Per il secondo anno consecutivo, l’area Asia-Pacifico è stata la regione più pericolosa del mondo per i giornalisti e per i loro collaboratori, con 35 vittime nel 2014. La zona è seguita dal Medio Oriente (31 vittime), dalle Americhe (26), dall’Africa (17) e dall’Europa (9).

Secondo la lista annua pubblicata dall’IFJ, “le guerre mortali in Siria, Iraq e Ucraina, nonché le violente insurrezioni in Afghanistan e in Pakistan, hanno causato la maggior parte delle uccisioni di giornalisti”. Il Pakistan è considerato il paese più pericoloso al mondo con 14 giornalisti uccisi, prima della Siria (12 morti), dell’Afghanistan e della Palestina (9 morti ogni), dell’Iraq e dell’Ucraina (8), dell’Honduras (6) e del Messico (5).

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login