“SolaRoad”: il primo percorso ciclabile solare al mondo

Filed under Esteri, Notizie

In Olanda è stata presentata mercoledì 12 novembre la prima pista solare per biciclette al mondo, un progetto rivoluzionario che secondo i suoi progettisti potrebbe consentire la carica di biciclette e veicoli elettrici in tutta la rete stradale olandese (140.000 km, 25.000 km di piste ciclabili).

Denominata “SolaRoad”, la pista è stata costruita su una strada di 70 metri a nord di Amsterdam attraverso diversi moduli di 2,5 metri per 3,5 metri coperti con pannelli solari. Questi sono stati coperti con vetro temperato, antiscivolo per evitare incidenti.

Le biciclette e veicoli elettrici potrebbero un giorno essere in grado di ricaricare le batterie da strada o la bicicletta, con la spina elettrica o in maniera wireless, assicura Stefan De Wit, uno scienziato coinvolto nel progetto.

In 16 giorni di servzio, la bicicletta ha prodotto 140 chilowatt / ora. Per ora, l’elettricità generata viene iniettata nella rete elettrica, ma potrebbe anche essere utilizzato in futuro per illuminare la strada pubblica.

Il progetto finora è costata circa 3 milioni di euro, soprattutto in spese di ricerca e sviluppo, secondo SolaRoad, rifiutando però di indicare qual è il prezzo per chilometro.

Ad inaugurare la pista, il ministro dell’economia, Henk Kamp, che ha guidato la bici sui 70 metri di pista ciclabile, situata su un percorso che accoglie circa 2.000 ciclisti al giorno.

Il paese con più di 17 milioni di persone residenti, dove la bici è estremamente popolare, spera di triplicare la quota di energia rinnovabile nel suo consumo energetico entro il 2020 e di essere “fortemente neutrale” entro il 2050, ha detto il signor Kamp.

SolaRoad sarà testata per due anni. L’obiettivo del progetto è quello di installare entro cinque anni una strada solare percorribile, mentre il numero di auto e moto continua ad aumentare.

“Siamo fiduciosi sul fatto che entro cinque anni, avremo un prodotto su larga scala,” ha aggiunto De Wit.
Giovanni D’AGATA

Potrebbe interessarti anche:

You must be logged in to post a comment Login