Morbo di Alzheimer: è possibile invertire la perdita della memoria

Filed under Lifestyle, Salute

Una sostanza scoperta dai ricercatori americani e testata nei roditori si è dimostrata in grado di invertire la perdita delle funzioni cognitive causate dal morbo di Alzheimer. A rivelarlo uno studio pubblicato sulla rivista PLoS Biology.

Gli scienziati della Yale University hanno scoperto che il componente denominato TC-2153 inibisce gli effetti negativi di una proteina che regola l’apprendimento e la memoria, invertendo le carenze causate dalla malattia.

I ricercatori dicono che una singola dose del composto TC-2153 ha miglioratato la funzione cognitiva degli animali.
Nelle diverse attività proposte, le prestazioni dei roditori con problemi cognitivi erano uguali a quelle del gruppo di animali sani.

Per giungere alle loro conclusioni, gli scienziati hanno studiato per cinque anni migliaia di molecole fino a trovare quella che potrebbe inibire gli effetti della proteina Step (tirosina fosfatasi striata arricchita).

Ora, gli scienziati stanno testando il composto in altri animali, come le scimmie, e se il buon risultato sarà positivo, il composto potrà essere testato sull’uomo.

Related posts:

Allarme ambrosia: le allergie aumenteranno
Usa: in arrivo Flibanserin, il 'Viagra' femminile
Lo sport riduce l'aspettativa di vita del 16%
Diabete: standard aggiornati, ne ha parlato il SID a Rimini
Musicoterapia: utile per ridurre la depressione in bambini e adolescenti
Pitti Bimbo 84, dal 19-21 Gen 2017, a Firenze

You must be logged in to post a comment Login