UA-72767483-1

Meditare è difficile per la maggior parte della gente

Filed under Lifestyle, Salute

Meditare, abbandonarsi al sogno o all’introspezione per alcuni minuti, senza fare niente, è difficile per la maggior parte della gente, secondo un nuovo studio statunitense.

Ma la causa non è il vortice della vita moderna o l’uso sempre più diffuso degli smartphone e di altri gadget elettronici.

Diversi studi fatti dall’Università della Virginia e di Harvard (nordest), hanno mostrato che la maggior parte delle persone preferisce svolgere un’attività, piuttosto che rimanere da sola con i suoi pensieri.

Undici studi sono stati effettuati su diversi tipi di persone, per un totale di poco più di 200 persone, tra cui studenti e anziani, tutti con un’età che andava dai 18 ai 77 anni.

Negli studi, la maggioranza delle persone, che era stata invitata a rimanere senza fare nulla in una stanza vuota o a casa, tra i 6 e i 15 minuti, ha detto che “non è stato piacevole e che avevano difficoltà a concentrarsi”.

Una larga maggioranza ha preferito fare qualcosa, come ascoltare musica o utilizzare lo smartphone.

Ma il ricorso all’utilizzo di uno smartphone è stato forse più un sintomo di un problema esistente che la causa del problema.

Introspezione, meditazione e solitudine sono state praticate regolarmente nella storia, da Gesù, da Maometto o da Buddha, ma, secondo lo studio, “potrebbe essere stato qualcosa per cui erano stati chiamati, che non viene naturalmente o facilmente”.

You must be logged in to post a comment Login