UA-72767483-1

Cancro al seno: gravidanza anche dopo la chemioterapia

Filed under Lifestyle, Salute

Un team di ricercatori statunitensi ha trovato che la somministrazione di un ormone chiamato goserelina nelle donne con cancro al seno e recettore degli ormoni negativo, è un buon metodo per conservare la fertilità, se le pazienti devono sottoporsi alla chemioterapia.

Il lavoro sulla fertilità è stato diretto da Halle Moore, della Cleveland Clinic (Stati Uniti), il quale ha detto in una conferenza stampa che le donne, che erano state trattate con la goserelina in chemioterapia, avevano il 64 per cento meno probabilità di non sviluppare un’insufficienza ovarica prematura.

Lo studio, in fase III, è stato effettuato con 257 donne con cancro al seno, allo stato iniziale, negativo per il recettore dell’ormone.

La “goserelina sembra essere non solo altamente sicura, ma anche efficace, dal momento che aumenta le probabilità di una donna di rimanere incinta e di avere un bambino sano dopo la chemioterapia”, hanno detto i ricercatori.

Il prodotto, che, nello studio, è stato somministrato alle pazienti tramite iniezione, agisce sulle funzioni ovariche, essenzialmente mettendole in uno stato di menopausa, che protegge le ovaie dai danni della chemioterapia.

Il lavoro ha rivelato che, due anni dopo l’inizio della chemioterapia, solo l’8 per cento delle donne che erano state trattate con questo ormone avevano avuto un’insufficienza ovarica, rispetto al 22% di chi aveva fatto solo la chemioterapia.

You must be logged in to post a comment Login